The ADVengers. Analogie tra il cinema e l’agenzia di pubblicità.

Esaltante.
La sceneggiatura ha buchi come crateri. Ma chi se ne frega.
I personaggi sono delineati abbastanza chiaramente da permettere di costruirci intorno una storia, e questo basta e avanza.
Il resto sono esplosioni, cadute, risalite, ricadute, calci, pugni, proiettili vaganti, nemici di ogni colore e dimensione, eroi e tanta tanta America. Va bene così.
The Avengers è il movie giusto per spegnere il cervello e sognare di essere, anche solo per un momento, forti come un supereroe.

Ma la realtà non è poi così tanto distante dall’immaginazione, dai fumetti.
Per questo motivo, a dir la verità, ci ho anche trovato molte analogie con il mondo della pubblicità.
Ora ve le dico. Voi non ridete ma rifletteteci su. Tra l’altro, questa digressione potrebbe essere tranquillamente applicata a (quasi) tutti gli altri ambiti lavorativi. (Macchèmeraviglia!)

Thor, il Dio con il martello che schiaccia i cattivi, è il Direttore Creativo “Tipo A”. Quello buono; quello intelligente che cassa le tue idee perché non funzionano, ma almeno ti spiega il perché. E lo fa con tatto, non ti dirà mai che la tua campagna fa così orrore da causare allucinazioni alla Trainspotting e danni alle sinapsi.
Sei tu che, in un attimo, capisci tutto. Prendi la martellata in testa e te ne vai al posto con una grande commozione. Cerebrale.

Iron Man è, invece, il Direttore Creativo “Tipo B”. È proprio il capo a cui piace fare il capo. E non ci sono neuroni che tengano. È quello che ti distrugge il layout davanti agli occhi, lo mastica, te lo sputa sui piedi e poi ti dice: “Questa merda se la faceva il cliente da solo!”. Così, devi rifare daccapo tutto, con la sensazione che non andrà bene nulla fino alle prossime 12 presentazioni. E se lo affronti a muso duro, tutto quello che ti dirà è che lui, quando non fa il Direttore Creativo, è un genio, miliardario, playboy e filantropo. E tu?

Hulk è chiaramente il Cliente. È così forte da poter fare ciò che vuole, condiziona gli altri (che lo temono) e alterna stati di calma a momenti di tensione psicolabile pre-consegna. Ma soprattutto, non capisce un cazzo.

Capitan America è l’Account. Di bella presenza, senza macchia né paura, si reca dovunque alla conquista di nuovi traguardi. Parla a frasi fatte. Salva il mondo. È sempre pettinato a dovere. Direi che non c’è bisogno di continuare.

E per finire, gli eroi più sfigati del film: La Vedova Nera e Occhio di Falco.
Loro sono i creativi. Art e Copy. E lo sapete perché? Perché non hanno superpoteri: possono solo contare sulle proprie forze ed abilità. Per portare a termine la missione (e il culo a casa), devono sudare.
Alla fine di tutto e firmata la pace, il mondo non li avrà nemmeno notati perché non hanno volato, schivato pallottole, fermato 7 alieni con una mano. Sono scesi in campo, soldati fra i soldati, e si sono fatti valere in un semplice corpo a corpo. Ma il rischio che corrono sempre è, a mio avviso, il più alto di tutti.

Per chiudere, molta gente (ma nessuno, in realtà) si starà chiedendo: “E Nick Fury?”
Nick Fury (cioè l’occhio buono di Samuel L. Jackson) è il Brief. Spiega a tutti cosa fare: “dà la mission”, come amano dire gli account italiani.

Bene, ora ogni cosa è davvero al suo posto.
Tranne per un particolare: i pubblicitari non salvano il mondo.

Ma lasciatecelo credere, soprattutto quando usciamo alle 3 del mattino dall’agenzia solo perché c’era da finire una gara: cosa che, se la leggi soltanto, fa anche abbastanza ridere.

Lutile.

——————-

Non perdere la raccolta di tutte le lettere di Van Gogh sulla pubblicità!
Chi ride, scarica i nervi. E questo eBook!
Clicca sulla copertina e scopri di più: la copertina

Informazioni su Lutile Idiota

Copy. But not paste.
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a The ADVengers. Analogie tra il cinema e l’agenzia di pubblicità.

  1. Josef K. ha detto:

    Grande! Bellissima idea quella di associare dei supereroi a personaggi della vita reale. Complimenti.

  2. frappacchio ha detto:

    Dissento solo su una cosa: Iron Man non lo metterei tra i creativi puri, ma tra i tecnici. Sopperisce alla mancanza di superpoteri con la capacità tecnologica. Solo per questo non lo vedo puro creativo.
    Per il resto si sa (quanto hai ragione) Occhio di Falco e la Vedova Nera sono la forza lavoro utile ma sottopagata (o sottostimata) .
    Clap Clap per l’aggancio!

    • Lutile Idiota ha detto:

      Grazie Frappacchio, collega di Poporama!
      Ti dirò: non hai tutti i torti.

      In effetti, il tecnico è una figura sempre più presente nelle moderne agenzie e non ancora molto in quelle canoniche, di stampo classico.

      Iron Man non ha il dono divino, quindi se lo costruisce da sè.
      In quel senso, sì: è il tecnico.
      Ma l’atteggiamento è quello di un Direttore!
      Si può dire che sia un Direttore Creativo dell’area tecnica, ecco.
      Non trovi?

  3. 1wayTicketToHell ha detto:

    Ahahaha! Bellissimo come al solito, anche se stavolta non parla Vincent😉

  4. Simona ha detto:

    Fantastico ahahahhahahaha!certo per un art donna essere paragonata a di vedova non è poi così male😉

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...